le ragioni del "sì" di F.Clementi

le ragioni del «sì» Iter legislativo e titolo V, uno Stato più semplice –di Francesco Clementi | 31 luglio 2016 | pubblicato nel Sole 24 Ore In autunno saremo chiamati a esprimerci su un referendum di revisione costituzionale, doppiamente storico: per il testo, perché finalmente introduce tante soluzioni che, seppure da tempo arate in Parlamento e nell’opinione pubblica, ancora nei fatti attendono di essere introdotte nell’ordinamento; e poi per ragioni relative al contesto, di crisi e di instabilità politica che, a partire da molti Paesi europei che ci circondano, chiaramente permea questo voto. Così, nelle scelte di merito – per definizione sempre perfettibili, proprio perché fondate non nella fredda accademia ma nel caldo del compromesso politico (fatto che porta sempre critiche, lo fu allora anche per la nostra Costituzione) - il referendum parla pure contro quello spirito di rassegnazione e di declino, anche economico, che domina ancora troppa opini [...]

01 Ago 2016 • Isabella Nespoli

La "Civiltà Cattolica" e Renzi come destino

di Raniero La Valle Si direbbe che i nomi che cominciano per “Occhett” non evochino un futuro rigoglioso per la democrazia italiana. Il primo, che era Achille Occhetto, rase al suolo la sinistr [...]

28 Lug 2016 • Giovanni Bianco

Open letter: we are all Greek Jews

Open letter: we are all Greek Jews Benjamin Abtan, Bernard-Henri Lévy, Elie Wiesel, Amélie Nothomb and others call on Europe to reject the extreme right guardian.co.uk, Monday 28 May 2012 14.16 BST The neo-Nazi party Golden Dawn [...]

Collaboration

  «Collaboration» è una short story di Henry James scritta nel 1892, nello scorcio di un fin de siècle europeo politicamente greve -  ad onta della sua fama di  belle époque -, segnato pesantemente da tensioni e risentimenti di vario ordine e grado tra le potenze continentali, non ultima quella rovinosa inimicizia franco-tedesca che vent’anni prima era [...]

Discorso di F.Hollande 15.05.2012

versione integrale del discorso di inizio di Presidenza di Hollande. Discours de M. le Président de la République - Cérémonie d'investiture Discours de M. le Président de la République - Cérémonie d'investiture [...]

Hollande Presidente.Speranza per l'Europa

di Vincenzo Comito L'elezione di Hollande impensierisce i cantori dell'ortodossia economica e restituisce speranza alla sinistra europea. Il suo programma, pur moderato, può ridare forza a un'Europa diversa. François Hollande ce l’ha fatta: è il nuovo presidente della repubblica in “una Francia in agitazione, inquieta e divisa” (Izraelewicz, 2012). In queste note cerchi [...]

Hollande? No, grazie.

Hollande è una pericolosa illusione per il PD. Sono d’accordo con Antonio Funiciello. Come dice David Miliband, solo una prospettiva che rinnovi la terza via blairiana, evitando di tornare a prima di Blair, può portarci fuori dal pantano. Ancora una volta è la sinistra atlantica il laboratorio del cambiamento. O nelle forme del pragmatismo di Obama, pensiamo alla politica internazionale, o ne [...]

Aldo Moro. Società e potere politico

La società italiana è in movimento e conta, più che in passato, sulle proprie forze. Essa coglie ed analizza criticamente i suoi problemi. Rivendica la sua autonomia e, in essa, la capacità di trovare in se stessa, il più largamente possibile, la sua guida. Si riconosce in centri propri di proposta e anche di decisione. Deferisce meno al potere politico le sue scelte e, quando accetta di dele [...]

I Poissons roses: votare Hollande al ballottaggio per l'Europa di Schumann, Adenauer e De Gasperi

Le 3 mai 2012 Les Poissons Roses proposent leur choix pour le 2ème tour ! Voici l’heure du choix : deux personnalités, deux programmes d’action par nature imparfaits. Le vote du second tour est une décision politique : il faut choisir et non plus seulement signifier des valeurs. Cependant, l’action politique ne s’arrête pas au vote : élire un président de la République et choi [...]

articolo di Giorgio Tonini su elezioni in Francia

da Europa 25.04.2012 "Hollande apre una nuova era politica", titolava sobriamente lunedì El Pais. Come del resto buona parte dei giornali, non solo spagnoli e non solo italiani. In realtà, la strada davanti al leader socialista francese, uscito in vantaggio dal primo turno elettorale, se appare oggi un po' meno in salita, è ancora maledettamente lunga. Non bisogna dimenticare che in Fra [...]