Più liberalismo contro l'ondata illiberale, di Giorgio Armillei

La vulgata vuole che il pontificato di Papa Francesco segni una presa di distanza della Chiesa cattolica dalla stagione liberale che ha dominato la scena mondiale alla fine del XX secolo. Facendo così argine al presunto cedimento del mondo cattolico, anche di quello collocato a sinistra nel PD, di fronte ad una globalizzazione sottomessa alle logiche dell’economia finanziaria. Intorno a questa convinzione e alle questioni limitrofe, ecco allora le sentenze di una schiera di opinionisti:  si parla così  di cedimento a logiche liberali o a un moderatismo che poco ha a che spartire con le istanze ugualitarie e solidaristiche proprie del cattolicesimo sociale (Tarquinio);  di liberismo pettinato che avrebbe conquistato il cuore del PD renziano (Damilano);  del jobs act come fondato su una visione del lavoratore come strumento di profitto e non come destinatario di diritti (De Angelis). E così via. [...]

20 Apr 2019 • Giorgio Armillei

Della vita umana, di Teresa Bartolomei

Non ho una speciale simpatia per le canonizzazioni in generale e per quelle dei Papi in particolare. Troppi interrogativi teologici e di ‘politica ecclesiale’ gravano su questa pratica per non con [...]

06 Ott 2018 • Teresa Bartolomei