L'album di famiglia, di Giorgio Armillei

Politica

E così dopo 48 ore di euforia - Salvini battuto nonostante la mossa a sorpresa dell’offerta del voto sulla riforma costituzionale del numero dei parlamentari; battuto da una maggioranza M5s, PD, LeU; quindi si può fare un governo di legislatura, magari un Conte bis con questa nuova maggioranza giallorossa – emergono perplessità e fatti nuovi.Prima perplessità su cui si sofferma il Foglio del 15 agosto in due pezzi che si rilanciano. Ma come si fa a governare con il M5s sapendo quali sono [...]

16 Ago 2019 - Giorgio Armillei

La crisi e il pensiero unico populista, di Giorgio Armillei

Politica

Anche le crisi di governo della prima repubblica – extraparlamentari, parlamentari, parlamentarizzate che fossero – avevano convulsioni e improvvisi giri di valzer. Trappole e sgambetti erano all [...]

14 Ago 2019 • Giorgio Armillei

La strana alleanza, di Giorgio Armillei

Politica

Dopo il discutibile argomento del trasformismo, a marzo 2018 si dice no al M5s mentre ad agosto 2019 quel no diventa un sì, ecco serpeggiare un nuovo improbabile tema nel dibattito sulla crisi di gov [...]

13 Ago 2019 • Giorgio Armillei

Trasformismo, di Giorgio Armillei

Politica

Trasformismo. Ovvero “ricorrere, invece che al corretto confronto parlamentare, a manovre di corridoio, a compromessi, a clientelismi, senza più alcuna coerenza ideologica con la linea del partito. [...]

12 Ago 2019 • Giorgio Armillei

Social Twitter

Le regole della crisi, di Giorgio Armillei

Politica

Il 4 dicembre 2016 la Lega, il M5s, Berlusconi, un pezzo del PD ora al comando con Zingaretti – e naturalmente gli elettori - hanno voluto mantenere un sistema parlamentare puro, quasi assembleare, con poteri necessariamente ampi e decisivi del Presidente della Repubblica, Capo dello stato e reggitore delle fasi di crisi. I primi non possono dunque ora fingere di "chiamare" le elezioni anticipate, pretendendo di sciogliere il Parlamento in base alle loro convenienze elettorali. Il sistema che hanno difeso il 4 dicembre non funziona così.  Ora tocca al Presidente della Repubblica, una volta formalizzata la crisi, valutare i rapporti di forza in Parlamento, gli orientamenti dei gruppi parlamentari, l'esistenza e la tenuta temporale di possibili maggioranze per dare il via a un Governo, gli effetti della crisi e della sua soluzione sul sistema della governance economica dell'Unione europea il cui diritto fa parte del nostro quadro legale. Siamo in un regime parlamentaristico non r [...]

10 Ago 2019 • Giorgio Armillei

Lo stato nazione ci salva? di Giorgio Armillei

Politica

La gran parte della sinistra che sopravvive nelle democrazie avanzate si muove nel solco della incomponibilità di lungo periodo tra le istanze egualitarie della democrazia e quelle selettive, distrut [...]

08 Ago 2019 • Giorgio Armillei

#ètuttacolpaditwitter? di Giorgio Armillei

Incontri - Società

I social media sono la causa della polarizzazione della vita pubblica. Creano fossati ideologici, risentimenti, rabbia, invidia sociale. Fabbricano populismo, intrappolando le persone all’interno di [...]

05 Ago 2019 • Giorgio Armillei

Social Facebook

Diversamente sovranisti? di Giorgio Armillei

Incontri - Politica

Nella gerarchia delle fratture politiche quella tra sovranisti e liberali se la sta giocando con quella tra destra e sinistra. Su questo giudizio molti si ritrovano. Le posizioni divergono a proposito del peso relativo che si dà alle due fratture. Per qualcuno la prima sostituisce la seconda, per altri le due si affiancano. Ma qual è la posizione dei liberali sul tema della sovranità? No al sovranismo, d’accordo. Cioè no alla riproposizione di un vertice decisionale unico al quale ricondur [...]

30 Lug 2019 • Giorgio Armillei

Ancora su magistratura e politica, di Giorgio Armillei

Incontri Camaldoli - Politica

1.    Il recente intervento del Presidente Mattarella e la sua costante opera di moral suasion sul caso CSM risultano particolarmente utili in questa fase turbolenta. Siamo di fronte a modalità soft di governo della crisi. Qualcuno ritiene che potrebbe fare di più. Glielo consente la Costituzione nella forma del messaggio alla Camere se – come lui stesso dice – la situazione e [...]

22 Lug 2019 • Giorgio Armillei