“Solo un’Europa “keynesiana” salverà l’Italia”. Intervista a Giorgio Tonini

Politica

Ieri a Bruxelles sono stati definiti i “top job”, gli incarichi di vertice, della nuova Commissione Europea. Il quadro si è completato, oggi a Strasburgo, con l’elezione dell’italiano David Sassoli, parlamentare del PD, a Presidente del Parlamento Europeo. Quali sfide la nuova Europa dovrà affrontare? Quali conseguenze per l’Italia? Ne parliamo, in questa intervista con Giorgio Tonini. Tonini è Capogruppo regionale e provinciale del PD in Trentino.Giorgio Tonini, dopo l’esperienza [...]

04 Lug 2019 - Pietro Giordano

Vince la globalizzazione, di Giorgio Armillei

Politica

Che si debba tutti guardare con soddisfazione al successo di Milano Cortina 2026, anzi proprio festeggiare, è più che ragionevole. Che tutte le famiglie politico culturali del paese possano intestar [...]

27 Giu 2019 • Giorgio Armillei

Il dito e la luna, di Giorgio Armillei

Politica

Valutare con equilibrio le criticità non significa rinunciare a identificare il cuore dei problemi. Comincio dalla fine e la metto così: con il caso Palamara siamo dentro un classico “il dito e la [...]

18 Giu 2019 • Giorgio Armillei

Social Twitter

Il populismo antimoderno e l’eredità di Berlinguer

Politica

di Vittorio Ferla  (A 35 anni dai funerali di piazza San Giovanni) Il 23 maggio del 2014 è una data spartiacque. Siamo ai comizi finali delle Europee. La polemica tra Renzi e Grillo impazza. Il gran finale della campagna elettorale del M5s si svolge a Roma nella piazza San Giovanni. La stessa piazza dove, trent’anni prima, si svolsero i funerali di Enrico Berlinguer: era il 13 giugno 1984. Casaleggio e BerlinguerNel corso della manifestazione dei grillini, Gianroberto Casaleggio, cofondatore del Movimento, incita la piazza a gridare il nome di Berlinguer. Lo spiega così: “In tutti i partiti ci sono le brave persone e i delinquenti. Sicuramente una persona che possiamo considerare onesta è Enrico Berlinguer che fu uno dei pochi a riempire questa piazza. Berlinguer in una famosa intervista lanciò la questione morale, ma il Pd di oggi ha nel suo dna solo la questione immorale”. La piazza lo segue e urla: “Ber-lin-guer! Ber-lin-guer!”Ma perché il cap [...]

14 Giu 2019 • Vittorio Ferla

Il nuovo PD che non si vede, di Stefano Ceccanti

Politica

«Sospendo il giudizio su Zingaretti: per ora non è ancora chiaro in cosa consista la sua discontinuità», è il commento interlocutorio di Stefano Ceccanti, costituzionalista dem vicino a Matteo [...]

12 Giu 2019 • il Landino

Popcorn, barbari e Saragat, di Giorgio Armillei

Politica

Dal 5 dicembre 2016 l’opinione pubblica riformista si divide in tre. Chi ha da subito collocato Lega e M5s dalla stessa parte, due facce del medesimo alloggiamento populista. Due facce naturalmente [...]

09 Giu 2019 • Giorgio Armillei

Social Facebook

Quel che occorre all'Europa e all'Italia, di Luciano Iannaccone

Politica

Dopo il voto europeo l’Europa, come tutti sappiamo, è di fronte ad una alternativa radicale, di quelle che fanno la storia. O imboccare con decisione la strada dell’unità, per poter esercitare nel mondo quella concreta sovranità che i singoli Stati possono attingere solo attraverso di lei. O non fuoriuscire dalla complessità attuale, di cui approfittano egoismi e lamentele nazionali, che si illudono di poter tenere il piede in due scarpe e di capitalizzare così il consenso elettorale.Ne [...]

03 Giu 2019 • Giorgio Armillei

L'Italia ha bisogno di altro, di Giorgio Armillei

Politica

Due cose caratterizzano il quadro politico italiano rispetto a quello degli altri stati membri dell’Unione. Siamo l’unico sistema politico tra i quattro grandi dell’Unione ad avere un governo nazional populista. Essere in compagnia dell’Ungheria non è certo una consolazione. E siamo l’unico tra i quattro grandi – e non solo – in cui l’elettorato non dispone di una chiara, forte [...]

29 Mag 2019 • Giorgio Armillei

Per cosa votiamo domenica 26 maggio, di Giorgio Armillei

Politica

Oltre dieci anni fa, con un formidabile uno-due – discorso al Congresso delle Trade Unions del 2006 e discorso al Blenheim Palace del 2007 – Tony Blair squadernava le ragioni per cui continuare a leggere la politica britannica e soprattutto europea con gli occhiali della tradizionale distinzione tra destra e sinistra era sbagliato e dannoso. L’asse che divide la politica si stava spostando. [...]

22 Mag 2019 • Giorgio Armillei