Il NO perde anche quando vince

La sfera pubblica in una società aperta è questo: dialogo a tutto campo con piena cittadinanza per idee, argomenti, progetti, critiche, si e no, alleanze e conflitti. Le coalizioni del NO, anche quando incorporano spunti e proposte, ci lasciano però sempre perplessi: sono infatti coalizioni per sommatoria e non per convergenza programmatica. Il NO di Trump all'establishment ha vinto le elezioni ma prodotto una strategia che inciampa un giorno sì e un giorno no. Il NO di Brexit all'UE ha lasciato una scia di rimpianti che ogni giorno si allarga. Non parliamo poi del NO al referendum costituzionale di dicembre che ha prodotto solo qualche partitino in più. Il problema è passare dalla coalizione per sommatoria di NO alla proposta di un SI. E qui le cose si complicano perché il populismo giudiziario – che in questa fase ha l'egemonia su tutte le coalizioni del NO – aggrega consensi quando si tratta di conquistare il mercato dell’attenzione ma si arena, e tend [...]

11 Apr 2017 • Giorgio Armillei

Rosy Bindi: un sincero malinconico tramonto

In un’intervista serrata e sincera a il Fatto del 10 aprile Rosy Bindi mostra tutte le contraddizioni del suo itinerario politico degli ultimi 20 anni. Contraddizioni che non sono ovviamente solo le [...]

11 Apr 2017 • Giorgio Armillei

La prossima rivoluzione francese

In principio era la distinzione destra – sinistra, una distinzione essenzialmente fatta di classi economiche e di fiducia nell’interventismo statale. C’erano certo anche altri fattori all’oper [...]

10 Mar 2017 • Giorgio Armillei

Sinistra e identità

Tutti a parlare della scissione ma, come si sarebbe detto una volta, i contenuti? Ci riprovano Alesina e Giavazzi, un po’ ripetitivi ma il discorso va preso sul serio e non equivocato. Liberalizzare [...]

22 Feb 2017 • Giorgio Armillei

Tonini al Senato su Zaccagnini

TONINI (PD). Signora Presidente, anche il Partito Democratico si associa a questo ricordo di Benigno Zaccagnini, morto esattamente 25 anni fa - il 5 novembre del 1989 - quattro giorni prima della caduta del muro di Berlino. La storia politica di Zaccagnini, in qualche modo, è racchiusa in tutta la vicenda della prima Repubblica, dai suoi albori con la resistenza fino alla caduta del muro di Ber [...]

Orvieto- 15 e 16 novembre

5 Novembre 2014 XV Assemblea annuale di LIBERTA'eguale 1000 giorni di riforme XV Assemblea annuale di LIBERTA'eguale Orvieto 15-16 novembre 2014 Palazzo del Capitano del Popolo Programma di massima Sabato 15 novembre, ore 10,30 Focus tematico "Jobs Act e futuro del mercato del lavoro in Italia" Introduce: Tommaso Nannicini Previsti gli interventi di: Giuliano [...]

Ha ragione la Bindi.La Leopolda è imbarazzante - V.Ferla

Ha ragione la Bindi. La Leopolda è imbarazzante Vittorio Ferla E sì, ha ragione la Bindi. La Leopolda è imbarazzante. Come sempre avviene con le cose nuove e imprevedibili, quelle che fanno saltare i vecchi schemi, consolidati e retrivi. Per quel piccolo mondo antico di post democristiani e post comunisti, la Leopolda è un oggetto incomprensibile. Una sorta di Ufo che scardi [...]

Giorgio Tonini su piazze e palchi

Sono quasi settant'anni che il popolo della sinistra italiana, con le sue mille bandiere rosse al vento, si ritrova a San Giovanni: la piazza più grande di Roma, scelta per dare l'impressione di una forza immensa, inarrestabile, invincibile. E sono settant'anni che quello stesso popolo, alle elezioni, si conferma tristemente minoranza: piazze piene, urne vuote, ammetteva sconsolato [...]

Da Letta a Renzi: padre Francesco Occhetta su "La Civiltà cattolica"

                      Le cinque condizioni per la governabilità La forza del programma di Renzi sono le politiche «centriste» da costruire nello spazio moderato. Sindacati, Confindustria e i principali agenti degli enti intermedi aspettano con fiducia i primi risultati di questo Governo. è questa la prima condizione importante che depone a favore [...]

La Chiesa connivente con lo sfascio morale

di Massimo Toschi Dice il Qoelet che c´è un tempo per parlare e un tempo per tacere. E quando il credente rovescia i tempi, significa solamente che il suo silenzio e la sua parola sono al servizio del suo peccato e del suo rapporto con il potere. Secondo il detto del vecchio parroco di don Milani "perdono ma non dimentico", è bene ricordare chi ha parlato quando doveva stare zitto e oggi fa [...]

Ancora su Antiseri e la ‘diserzione’ dei cattolici in politica - V.Ferla

Ancora su Antiseri e la ‘diserzione’ dei cattolici in politica Vittorio Ferla L’articolo di Dario Antiseri apparso sul Corriere della sera del 9 ottobre u.s. (I cattolici e la politica: una diserzione che tradisce l’Italia) lascia perplessi sotto diversi profili. In primo luogo, la distinzione tra destra e sinistra. E’ vero: in buona parte appare superata. Ma non al punto che [...]

Quale legge sulle unioni civili- mio pezzo per Huffington Post

Mi sembra che il punto di partenza ineludibile per una legge sulle unioni civili debba essere la giurisprudenza costituzionale, specie quella recente, cercando di capire come essa abbia cambiato alcuni dei termini della questione. Prima delle due sentenze dedicate alle unioni omosessuali (138/2010 e 170/2014) vi era stato, com'è sufficientemente noto e consolidato, il riconoscimento delle co [...]

Relazione di Marco Damilano su Pietro Scoppola- Convegno Sapienza

Cattolico a modo suo, Pietro Scoppola, così si intitola il suo ultimo libro uscito postumo e concluso nelle ultime settimane di vita, il suo scritto più personale e intenso. Cattolico a modo suo, come lo aveva definito Giovanni Battista Montini, papa Paolo VI, difendendo lo storico da chi voleva le sue dimissioni dal comitato preparatorio del convegno ecclesiale del 1976. «è un cattolico a mod [...]