Legge elettorale. Per non dimenticare

Da qualche giorno è decollato un dibattito che se non fosse alimentato strumentalmente dai conservatori dello status quo sarebbe utile definire bizzarro. E’ il dibattito sulla legge elettorale proporzionale: si torna alla prima repubblica, voteremo senza sapere chi si allea con chi, dopo le elezioni cominceranno le vecchie liturgie parlamentaristiche. E chi e cosa spingerebbero gli italiani verso il ritorno alla palude della prima repubblica? Renzi e il suo nuovo accordo con Berlusconi. Tutti questi nuovi riformatori, inaspettati difensori della democrazia maggioritaria e governante, sembrano improvvisamente dimenticare che quanto dobbiamo affrontare oggi è esattamente il quadro istituzionale che loro stessi hanno tenacemente voluto attraverso la campagna per il NO al referendum del 4 dicembre. E anche tra i sostenitori del SI c’è più d’uno che sembra afflitto da una simile amnesia e che ragiona come se fossimo in un mondo diverso da quello reale. Il pacchetto istituzio [...]

03 Giu 2017 • Giorgio Armillei

Giorgio Tonini su Macron

La vittoria di Macron segna uno spartiacque nella crisi europea, con importanti ripercussioni sulla posizione dell'Italia. Il voto francese ha visto sconfitte le forze antieuropeiste, sia di dest [...]

11 Mag 2017 • Stefano Ceccanti

Giorgio Tonini: avanti sulle unioni civili

Dal Corsera di oggi «Noi guardiamo alla Carta E il dibattito nella Chiesa è ancora apertissimo» Lei, senatore Giorgio Tonini del Pd, è un cattolico. Però è impegnato a condurre in porto il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili. Non si trova in difficoltà dopo le dichiarazioni del cardinal Angelo Bagnasco ? «Sinceramente no. Penso che la discussione sia apertissima nella Chiesa [...]

Il testo integrale della lectio degasperiana di mons. Galantino

Il modello e l’esempio di Alcide De Gasperi (Pieve Tesino, 18 agosto 2015) 0. Premessa. Porgo un saluto sincero a tutti voi, che avete voluto impreziosire quest’appuntamento annuale con la vostra presenza: saluto i familiari di Alcide De Gasperi, i numerosi cittadini, i rappresentanti delle Istituzioni – le Amministrazioni, la Provincia di Trento e il Parlamento – e il caro Arcivescovo [...]

Un nuovo intervento precisissimo di Napolitano sulla riforma costituzionale

Caro Eugenio, l’ampio spazio che mi hai dedicato nel tuo editoriale di domenica ancora in uno sforzo di dialogo sulla materia che oggi ci vede divergere, è un nuovo segno della nostra amicizia. Amicizia antica, nutritasi di molte radici, esperienze e sentimenti comuni, che, pur nella diversità dei rispettivi percorsi personali, non rinuncia a ogni possibile chiarimento e avvicinamento che p [...]

su Norberto Bobbio da L'Unità di oggi

Lo spazio politico che ancora cerchiamo Bobbio tra riflessioni permanenti e contingenti di Stefano Ceccanti Il testo di Bobbio, soprattutto nella Prefazione ma anche in alcuni passaggi chiave successivi (in particolare i paragrafi su “egualitarismo e liberalismo” e su “liberalismo e democrazia”) presenta alcune riflessioni di validità permanente ed altre invece di carattere contingente [...]

da L'Unità del 5 agosto- La concentrazione di potere immaginaria

di Stefano Ceccanti Man mano che ci avviciniamo ai passaggi finali della riforma costituzionale ritorna l’incubo della concentrazione di poteri. L’errore di fondo consiste nell’isolare il sistema nazionale dagli ulteriori livelli di governo con cui esso condivide la sovranità. Anzitutto il piano europeo, dove è dominante la dinamica intergovernativa e dove Merkel governa dal 2005 av [...]

Napolitano al Corsera: non fare come Penelope sulla riforma costituzionale

«Caro Direttore, la discussione sul progetto di riforma costituzionale, giunto alla terza lettura in Senato, ha appena superato un passaggio decisivo. La senatrice Finocchiaro, da presidente della 1ª Commissione e da relatrice, ha nella sua replica raccolto nel modo più comprensivo e in termini di inequivoca puntualità, i temi e le posizioni che hanno avuto modo di esprimersi in Commissione ne [...]

Riforme costituzionali- la replica di Giorgio Tonini a Bersani su Facebook

Sulle riforme costituzionali, Bersani invoca il buon senso, ma sfugge al confronto di merito. Ed è difficile parlarsi e intendersi nel Pd, come sarebbe necessario, andando al di là dello stucchevole battibecco su gufi e servi, Vietnam e Napalm, senza fare i conti, in modo serio e argomentato, con i contenuti della riforma elettorale (Italicum) e di quella costituzionale (ddl Boschi). Dice Bersa [...]

Unioni civili: discutiamo, ma è necessario riconoscere diritti inviolabili di Giorgio Tonini

La decisione della Corte europea dei diritti umani non deve sorprendere. Da cinque anni c'è una sentenza della nostra Corte costituzionale che chiede al Parlamento italiano di procedere con una legge per il riconoscimento dei diritti delle coppie gay. L'Europa ci sprona ulteriormente a fare in fretta una legge di civiltà. La novità è che per la prima volta c'è una iniziativa [...]

Il merito e la meritocrazia di Nino Labate

Il merito e la meritocrazia ( L’enciclica Laudato sì , e l’articolo di Alberto Alesina sul Corriere ) Lo stesso giorno che la stampa italiana ha annunciato l’enciclica di Papa Francesco, il Corriere del 19 giugno pubblica un editoriale di Alberto Alesina: Il merito nelle società diseguali”. Strana coincidenza, mi sono detto. Il titolo dell’articolo m [...]