L'Ulivo non fa il Monaco

Mentre i risultati elettorali, la riflessione politologica, il dibattito tra gli economisti – ultimo il premio Nobel Deaton che smonta il mito della sinistra onusiana sull’utilità effettiva degli aiuti internazionali allo sviluppo – fanno a pezzi quello strano impasto di statalismo e welfarismo novecentesco che puntualmente assalta la sinistra sconfitta o in ritirata, la discussione della sinistra italiana torna ad infiammarsi per strategie scissioniste. Esattamente come se fossimo in pieno novecento, complice il calcolo di convenienza che solo leggi elettorali pasticciate possono favorire. Dal che si capisce bene quale sia la partita intorno all’Italicum che pure perfetto non è. L’ultimo in ordine di tempo è Franco Monaco con la sua intervista su Repubblica di oggi. Un pò pasticciata come la modifica all’Italicum che la sinistra PD vorrebbe introdurre. Monaco confonde pere con mele, come avrebbe detto il buon Sartori, in una comparazione che così messa non è più [...]

25 Ott 2015 • Giorgio Armillei

Il mio editoriale sul quotidiano nazionale di oggi

Il dovere di cambiare di Stefano Ceccanti L'intervento più atteso di eri era, a ragione, quello del Presidente Napolitano, il vero padre della riforma, come ha sostenuto la ministra Bosc [...]

14 Ott 2015 • Stefano Ceccanti

Un voto nella storia

di Stefano Ceccanti da “L’Unità” Finalmente ci siamo, sta per essere realizzata una riforma attesa da tanto, troppo tempo. Varie ironie sono state utilizzate e diffuse nei giorni passati co [...]

03 Ott 2015 • Stefano Ceccanti

Liberalismo poliarchico. Per continuare a discuterne

                        Il dibattito su poliarchia e cattolicesimo democratico ha visto negli ultimi giorni il moltiplicarsi delle voci e dei contributi, in questo blog e anche fuori: è indubbio che la prospettiva di liberalismo poliarchico su cui stanno lavorando fruttuosamente alcuni dei nostri amici landiniani rappresenti una sfida intellettuale  e poli [...]

Lustiger - Anche la religione è servizio pubblico...

Avvenire - 22 febbraio 2011 - IDEE Il cardinale di Parigi e la «laicité» Si intitola «Cittadino, comunità, Stato. Per una critica della ragione moderna» il contributo che l’arcivescovo di Parigi, il cardinale Jean-Marie Lustiger (scomparso nel 2007) leggeva nel 1995 davanti alla Commissione francese dei Diritti dell’uomo. Ora quel discorso (una parte del q [...]

Il nuovo oltre la siepe

A grubby Libyan lesson in realpolitik Financial Times, 22 Febbraio 2011   Gideon Rachman      Another week, another revolution. Muammer Gaddafi of Libya may soon become the third Arab president to be swept from power in little more than a month.    Until a few years ago, his toppling would have been greeted with delight in western capitals. But in recent years, the Liby [...]

Polito-Dahrendorf d'annata - "In dubio, pro vita."

Il Riformista - 27 Febbraio 2009 - di Antonio Polito La legge in Parlamento I MIEI DUBBI SUL TESTAMENTO BIOLOGICO Questo articolo non piacerà a molti lettori. Però lo devo scrivere lo stesso. La sostanza è che non vorrei stare nei panni dei residui spiriti liberi che siedono in Parlamento senza vincolo di mandato, quando dovranno votare la legge sul testamento biologico. Perché la loro scelta [...]

Don Giovanni all'inferno e Benigni in paradiso

di Eugenio Scalfari TANTO era stato retorico e melenso il Festival di Sanremo, con le sue canzoni nuove e mediocri e quelle antiche ridotte ad ali di farfalla appiccicate al muro con lo spillo, e tanto si è trasformato in una festa popolare, colorata, irriverente e istruttiva non appena Roberto Benigni è apparso sul palcoscenico dell'Ariston sul cavallo bianco e con in mano la bandiera dai [...]