Esiste ancora il Renzi degli esordi

di Marco Demarie Probabilmente Renzi non è il problema. Chi scrive, pensa che il problema italiano stia in una cultura politica derivante da una cultura popolare, e delle élite, in cui si assommano il massimo dello statalismo e il massimo dell’individualismo: non tra gruppi, ma all’interno di ogni compagine, corpo intermedio, istanza sociale, individuo. Di questo strano, e storico, connubio, sono figlie le nostre patologie nazionali, compresa le variegate sfaccettature odierne del populismo all’italiana. Ma è Renzi la soluzione? Anche con animo spassionato, sembra difficile non vedere che nell’ultimo anno il nostro Le ha sbagliate letteralmente tutte: prima, forse sulla base di consigli cortigiani e consulenziali allineati con la specifica forma del suo ego, ha giocato in soggettiva la partita del referendum, con l’esito che sappiamo (ma il lettore ricordi le due righe poco sopra e che le concause di quell’episodio di masochismo italiano sono numerose); poi, in b [...]

11 Apr 2017 • Giorgio Armillei

La mia spiegazione della mozione Renzi

Presentazione della mozione Renzi di Stefano Ceccanti Pd Aurelio, 23 marzo     Premessa: cosa significa illustrare una mozione tra testo, pre-testo e con-testo [...]

11 Apr 2017 • Stefano Ceccanti

Appello di credenti per il voto a Macron

A ceux qui confisquent la voix des catholiques, nous répondons que nous allons voter Emmanuel Macron Le vote chrétien, catholique en particulier, n'appartient à per [...]

11 Apr 2017 • Stefano Ceccanti

Da Letta a Renzi: padre Francesco Occhetta su "La Civiltà cattolica"

                      Le cinque condizioni per la governabilità La forza del programma di Renzi sono le politiche «centriste» da costruire nello spazio moderato. Sindacati, Confindustria e i principali agenti degli enti intermedi aspettano con fiducia i primi risultati di questo Governo. è questa la prima condizione importante che depone a favore [...]

La Chiesa connivente con lo sfascio morale

di Massimo Toschi Dice il Qoelet che c´è un tempo per parlare e un tempo per tacere. E quando il credente rovescia i tempi, significa solamente che il suo silenzio e la sua parola sono al servizio del suo peccato e del suo rapporto con il potere. Secondo il detto del vecchio parroco di don Milani "perdono ma non dimentico", è bene ricordare chi ha parlato quando doveva stare zitto e oggi fa [...]

Ancora su Antiseri e la ‘diserzione’ dei cattolici in politica - V.Ferla

Ancora su Antiseri e la ‘diserzione’ dei cattolici in politica Vittorio Ferla L’articolo di Dario Antiseri apparso sul Corriere della sera del 9 ottobre u.s. (I cattolici e la politica: una diserzione che tradisce l’Italia) lascia perplessi sotto diversi profili. In primo luogo, la distinzione tra destra e sinistra. E’ vero: in buona parte appare superata. Ma non al punto che [...]

Quale legge sulle unioni civili- mio pezzo per Huffington Post

Mi sembra che il punto di partenza ineludibile per una legge sulle unioni civili debba essere la giurisprudenza costituzionale, specie quella recente, cercando di capire come essa abbia cambiato alcuni dei termini della questione. Prima delle due sentenze dedicate alle unioni omosessuali (138/2010 e 170/2014) vi era stato, com'è sufficientemente noto e consolidato, il riconoscimento delle co [...]

Relazione di Marco Damilano su Pietro Scoppola- Convegno Sapienza

Cattolico a modo suo, Pietro Scoppola, così si intitola il suo ultimo libro uscito postumo e concluso nelle ultime settimane di vita, il suo scritto più personale e intenso. Cattolico a modo suo, come lo aveva definito Giovanni Battista Montini, papa Paolo VI, difendendo lo storico da chi voleva le sue dimissioni dal comitato preparatorio del convegno ecclesiale del 1976. «è un cattolico a mod [...]

Preghiera di Paolo VI per Aldo Moro 13.05.1978

LA PREGHIERA DEL SANTO PADRE PAOLO VI PER L'ON. ALDO MORO Sabato, 13 maggio 1978 Ed ora le nostre labbra, chiuse come da un enorme ostacolo, simile alla grossa pietra rotolata all'ingresso del sepolcro di Cristo, vogliono aprirsi per esprimere il «De profundis», il grido cioè ed il pianto dell'ineffabile dolore con cui la tragedia presente soffoca la nostra voce [...]

Lettera di Paolo VI alle BR 21.04.1978

LETTERA DEL SANTO PADRE PAOLO VI ALLE BRIGATE ROSSE Io scrivo a voi, uomini delle Brigate Rosse: restituite alla libertà, alla sua famiglia, alla vita civile l'onorevole Aldo Moro. Io non vi conosco, e non ho modo d'avere alcun contatto con voi. Per questo vi scrivo pubblicamente, profittando del margine di tempo, che rimane alla scadenza della minaccia di morte, che voi avete [...]

Memo domani

mercoledì 15 ottobre ore 15 Dipartimento di Scienze Politiche, Sala delle Lauree – Università la Sapienza Piazzale Aldo Moro, 5 Roma Introduce e presiede Fulco Lanchester, Direttore Dipartimento di Scienze Politiche Relazione di Gianfranco Pasquino, Università di Bologna Il fattore religioso nella Terza Ondata di Huntington riletto 25 anni dopo la caduta del Muro Discussant: Orest [...]

Vittorino Ferla sui partiti (da Gazebos)

C’era una volta il Partito (e per fortuna non c’è più) Vittorino Ferla Grazie alla recente inchiesta di Repubblica, si ritorna a parlare di tessere e forma partito. Un dibattito che, con tutto il rispetto per i suoi protagonisti, comincia ormai ad appassionare soltanto pochi feticisti. La militanza politica nei partiti è in crisi almeno dagli anni 70, e va di pari passo con la progr [...]