La scomparsa improvvisa di Giorgio Armillei, un riformista coerente e concreto, di Stefano Ceccanti



Piangiamo la scomparsa improvvisa di Giorgio Armillei, riformista coerente e concreto

 

di Stefano Ceccanti

 

Ci ha lasciato del tutto improvvisamente stamani, a Terni, Giorgio Armillei.

 

Laureato in Giurisprudenza all’Università La Sapienza, Giorgio Armillei aveva sempre saputo unire l’impegno professionale prima nella Cisl e poi, come dirigente, nel Comune di Terni, con quello ecclesiale, civico ed intellettuale. Aveva fatto parte della Presidenza nazionale della Fuci, di quella diocesana dell’Azione Cattolica ed era uno degli animatori del Gruppo del Landino che si riunisce ogni anno a Camaldoli.

 

Intensamente impegnato per la crescita dell’intera comunità umbra con idee, progetti e proposte, è stato per una stagione importante anche assessore al Comune di Terni, impegnandosi per il suo rilancio innanzitutto intorno all’idea di farne Città capitale della Cultura.

 

Politico integerrimo, intellettuale dall’animo gentile, da acuto analista della politica ha fatto sempre sentire in tutti questi anni la sua voce di riformista, coerente e pragmatico al tempo stesso, in numerosi interventi sulle vicende politiche nazionali ed europee, anche per l’associazione Libertà Eguale.

 

Ci mancherà moltissimo.

 

Un abbraccio alla moglie Donatella e al figlio Francesco.

Sabato 5 Giugno 2021

http://www.libertaeguale.it/la-scomparsa-improvvisa-di-giorgio-armillei-un-riformista-coerente-e-concreto/

Condividi Post

Commenti (0)

Lascia un commento