Roberto Benigni come Emilio Fede

La spudoratezza con la quale sono state esposte spiegazioni fantasiose del testo della Costituzione ... La volgarità della satira a senso unico ... La meschinità con cui il guitto si fa pedagogo ... ... e una differenza: Berlusconi pagava Fede con i soldi suoi, i danti causa di Benigni lo pagano con gli introiti di un canone imposto dallo Stato.   Poteva, una legislatura segnata dalla interpretazione della Costituzione che hanno dato Fini, Napolitano e Monti, chiudersi altrimenti che con la rappresentazione della Costituzione messa in scena da Benigni? Ci hanno dato "circenses" senza neppure "panem". Tanto ci valutano ...   E che dire della corale acclamazione del giorno dopo?  

Condividi Post

Commenti (0)

Lascia un commento